Giovedì, 14 Novembre 2019

LIBRO CONSIGLIATO

Libro di Giovanni Gavelli

Editore Flaccovio 2014

FREE DONWLOAD

Haccp e magneti al neodimio

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

I sali d'alluminio nei deodoranti fanno male?

  • Categoria: Chimica
  • Pubblicato: Lunedì, 26 Agosto 2019 00:00
  • Scritto da Debora Menegatti
  • Visite: 226

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

I sali di alluminio sono ingredienti che vengono spesso impiegati nella preparazione dei deodoranti, in particolare per renderli antitraspiranti.
Questi sali hanno la capacità di impedire la formazione di sudore, eliminando odori e macchie sugli indumenti. L’alluminio infatti, sciogliendosi a contatto con il sudore, forma una specie di pellicola (tipo gel), la quale favorisce la chiusura dei pori sudoripari, impedendo cosi la traspirazione.

I responsabili dellodore sgradevole prodotto dal sudore, sono i batteri che rielaborano le sostanze contenute del sudore dando origine a composti volatili maleodoranti. Una buona igiene personale tramite l’uso di detergenti, un cambio frequente di abiti ed una corretta pratica depilatoria aiuterebbe a controllare e diminuire l’attività batterica, e di conseguenza la formazione dell’odore sgradevole.

Esistendo però diversi tipi di pelle, per alcuni di noi potrebbe essere necessario l’uso di materiali cosmetici creati in laboratorio, per ovviare a tale problema, ovvero una sudorazione eccessiva in termini di qualità e quantità: i deodoranti . Ognuno di loro agisce con meccanismo d’azione differente, per esempio tramite l’uso di sostanze specifiche antitraspiranti (sali di alluminio e di zirconio) oppure l’uso di sostanze con azione antibatterica e/o batteriostatica che agiscono quindi sulla flora batterica responsabile del cattivo odore.

Ma i deodoranti quindi fanno male?

Il dibattito in relazione a ciò, riguarda la probabile correlazione dell’insorgenza di tumore al seno per le donne e l’uso di deodoranti. Non esistono ancora studi che accertino questa correlazione, anche se il dubbio deriva dal fatto che i deodoranti, una volta applicati, non vengono risciacquati e quindi le sostanze contenute al loro interno vengano assorbite dal corpo e quindi accumulate.
Gli studiosi a favore di questa teoria, rafforzano la loro ipotesi dall'aumento in questi anni dell’incidenza di tumori nell'area vicina all'applicazione del deodorante.

Alternative all'uso di cosmetici deodoranti:

  • l'allume di potassio ( noto anche con il nome allume di rocca) può essere una valida alternativa all’uso dei classici deodoranti, anche se ha meccanismo di azione simile a quello dei classici antitraspiranti, ovvero riduce in parte della fuoriuscita di sudore. L’allume di potassio è un sale misto di alluminio e potassio e il suo principale vantaggio è quello di non coprire i cattivi odori, ma agisce direttamente sulla proliferazione dei batteri che li causano;
  • utilizzo di deodoranti ecologici o bio;
  • utilizzo del bicarbonato di sodio come polvere deodorante, proprio come se si trattasse di un talco.

L’efficacia dei deodoranti naturali può variare da persona a persona, a seconda del tipo di sudorazione e del pH della pelle.

Ricordiamoci infine che..

La via primaria di esposizione all'alluminio per la popolazione generale è quella alimentare!

Ma di questo ne parleremo la prossima volta.