Osservazioni sulla pericolosità dei LED

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Esistono in let­ter­atura molti inter­es­santi arti­coli e pro­poste di val­u­tazione dell’esposizione a luce LED bianca basati su metodi di cal­colo spesso com­p­lessi e di uso esclu­sivo per gli addetti ai lavori. In questa sede si pro­pon­gono alcune osser­vazioni e una val­u­tazione alter­na­tiva del ris­chio basata su sem­plici mis­ure di illu­mi­na­mento (Lux). La luce Led non và pun­tata diret­ta­mente negli occhi si con­sid­er­erà quindi solo il caso di visione rif­lessa del fas­cio senza messa a fuoco sulla retina ovvero i lim­iti di rifer­i­mento (2006/​25/​CE) in irra­di­anza che si ripor­tano di seguito:

  • Lim­ite e: per tempi minori di 170 minuti Ee = 100/​t W×m–2 dove t è il tempo di espo­sizione in secondi
  • Lim­ite f: per tempi di espo­sizione mag­giori di 170 minuti Ef= 0,01 W×m–2
  • Si assume cautel­a­ti­va­mente che l’intensità lumi­nosa del fas­cio sia al 100% luce blu quindi questo metodo non vale per altre tipolo­gie di sorgenti.(sodio,fluorescenti, alogene,ecc)

 

Il lim­ite di rifer­i­mento per espo­sizione a luce blu (led bianchi) è fis­sato per espo­sizioni pari a 8 ore al giorno a 0,01 W×m–2 , questo val­ore è tal­mente basso che, per non essere super­ato i lavo­ra­tori (negli uffici, reparti indus­tri­ali) non devono essere esposte a inten­sità mag­giori nep­pure per luce riflessa.

Per dare un idea di quanto cor­risponde 0,01 W×m–2 in lux sono state effet­tuate , presso il lab­o­ra­to­rio agenti fisici Glob-​Tek , alcune mis­ure com­par­a­tive simul­ta­nee di irra­di­anza e lux di fasci di luce prodotti da led bianchi.

In par­ti­co­lare si è ottenuto il seguente risultato:

100 lux = 0,4 W m–2

(quar­anta volte il lim­ite di rifer­i­mento f)

 

Sem­br­erebbe che in prat­ica la luce led bianca non sia uti­liz­z­abile come sis­tema di illu­mi­nazione su peri­odi lunghi in quanto l’osservanza del lim­ite f (2006/​25/​CE) implica un’intensità in lux non adeguata per l’illuminazione negli ambi­enti di lavoro. Di seguito si riporta una tabella (UNI 1264 – 1) dove sono indi­cati i val­ori di illu­mi­na­mento con­sigliati e i cor­rispon­denti liv­elli di espo­sizione calcolati.

 

Req­ui­siti di illu­mi­na­mento di zona

UNI 12464 – 1

Lux

 

W/​m2

 

Tempo mas­simo di espo­sizione  visione diretta

Tempo mas­simo di espo­sizione  visione riflessa

Zone di cir­co­lazione e cor­ri­doi, mag­a­zz­ini

100

0,4

5 minuti

10 minuti

Guardaroba, gabi­netti, bagni, toilette

200

0,8

2 minuti

5 minuti

Sal­datura e lavo­razione macchina

300

1,2

1 min­uto

3,5 minuti

  • Lavo­razione di macchina fine
  • Taglio ed altre attività
  • Postazione VDT
  • Sala con­ferenze e riunioni

500

2,0

50 sec­ondi

2 minuti

Servizi di offic­ina, riparazione e test

300

1,2

1 min­uto

3,5 minuti

Postazione di archivi­azione, copiatura

300

1,2

1 min­uto

3,5 minuti

Si pre­cisa che i lux da con­sid­er­are sono quelli mis­urati sull’occhio, ovvero quello che vede l’operatore.

 

Con­clu­sioni

 

Il pre­sente lavoro sper­i­men­tale andrebbe ver­i­fi­cato anche in col­lab­o­razione con altri lab­o­ra­tori e tec­nici. Nonos­tante l’incertezza cal­co­lata sulle mis­ure sia dell’ordine del 20 % i risul­tati sono inequiv­o­ca­bili; sem­br­erebbe che in prat­ica la luce led bianca non sia uti­liz­z­abile come sis­tema di illu­mi­nazione su peri­odi lunghi in quanto l’osservanza del lim­ite f (2006/​25/​CE) implica un’intensità in lux non adeguata per l’illuminazione negli ambi­enti di lavoro.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.