L’intensità del campo magnetico prodotto da un elettrodotto dipende dal carico di corrente trasportata, mentre il campo elettrico dipende dalla tensione costante ed è generalmente di minor interesse dal punto di vista sanitario. Si dedica particolare attenzione ai campi magnetici a bassa frequenza, perché non vengono schermati dagli edifici. Per la protezione della popolazione dall’esposizione ai campi elettrici e magnetici generati dagli elettrodotti il DPCM 8 luglio 2003 stabilisce:

 

 

 

 

 

  • Il limite di esposizione (100 µT): è il valore di induzione magnetica definito ai fini della tutela della salute da effetti acuti, che non deve essere superato in alcuna condizione di esposizione;
  • Il valore di attenzione (10 µT): è fissato a titolo di misura di cautela per la protezione da possibili effetti a lungo termine eventualmente connessi all’esposizione ai campi magnetici nelle aree gioco per l’infanzia, in ambienti abitativi, in ambienti scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze non inferiori a 4 ore giornaliere.
  • L’obiettivo di qualità (3 µT): è previsto nella progettazione di nuovi elettrodotti in corrispondenza di aree gioco per l’infanzia, di ambienti abitativi in ambienti scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze non inferiori a 4 ore giornaliere e nella progettazione dei nuovi insediamenti e delle nuove aree di cui sopra in prossimità di linee ed installazioni elettriche già presenti nel territorio, ai fini della progressiva minimizzazione dell’esposizione ai campi elettrici e magnetici.

Ogni elettrodotto genera una distanza di rispetto DPA (Distanza di prima Approssimazione) e rappresenta la distanza di riferimento dove per distanze maggiori di essa viene rispettato sicuramente l’obiettivo di qualità in induzione magnetica fissato pari a 3 µT. La DPA dipende essenzialmente dalla corrente massima che l’elettrodotto può portare (massima corrente al limite termico) difficilmente raggiungibile e dalla inter distanza dei conduttori. Nella tabella seguente si riportano le DPA ritenute più significative per il territorio Nazionale.

 

 DPA indicative per tipologia di Elettrodotti

 

Tipologia

DPA (m)

Semplice Terna 132 kV

19

Doppia Terna 132 kV

26

Singola Terna 220 kV

27

Doppia Terna 220 kV

32

 

In nessun caso esaminato negli ultimi 15 anni abbiamo rilevato  superamenti dell’obiettivo di attenzione (10 µT) in quanto le distanze dai cavi delle linee rispetto alle posizioni risultano maggiori delle distanze critiche. Il limite di esposizione pari a 100 µT non può essere superato in nessuna condizione in quanto si ottiene a pochi metri dai cavi. Tutti i valori sono da intendersi come mediane sulle 24 ore.