Esso consiste in una condotta prudente in caso di decisioni politiche ed economiche su questioni scientificamente controverse; in sintesi "prevenire è meglio che curare". E' la versione moderna del principio di Ippocrate "primum non nocere" e si applica non a pericoli già identificati, ma a pericoli potenziali, di cui non si ha ancora conoscenza.
 
In realtà tale principio non è un metodo di ricerca né un principio scientifico, bensì uno strumento politico di gestione del rischio. In realtà bisogna considerare che vi è differenza tra PREVENZIONE (limitazione di rischi oggettivi e provati) e PRECAUZIONE (limitazione di rischi ipotetici o basati su indizi). Esso si applica cioè non a pericoli noti, ma a pericoli potenziali, non ancora conosciuti. In pratica se sostanze (es. farmaci), oggetti o meccanismi (onde elettromagnetiche, antenne), organismi  (OGM) possono far male , o si pensa che possano farlo, oppure qualcuno ha interesse a dirlo, prudentemente, se ne deve fare a meno, soprattutto se questo porta un vantaggio in termini elettorali.

Il dibattito sul principio di precauzione è sorto negli anni settanta, grazie ai primi movimenti ambientalisti ed ecologisti. Nella  Conferenza sull'Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite (Earth Summit) di Rio de Janeiro del 1992, il principio di precauzione venne definito dal principio 15 come segue:

"Al fine di proteggere l'ambiente, un approccio cautelativo dovrebbe essere ampiamente utilizzato dagli Stati in funzione delle proprie capacità. In caso di rischio di danno grave o irreversibile, l'assenza di una piena certezza scientifica non deve costituire un motivo per differire l'adozione di misure adeguate ed effettive, anche in rapporto ai costi, dirette a prevenire il degrado ambientale".

Si parla  esplicitamente solo della protezione dell'ambiente, ma con il tempo e nella pratica il campo di applicazione si è allargato alla politica di tutela dei consumatori, della salute umana, animale e vegetale.

A livello europeo il principio di precauzione è stato ufficialmente adottato come uno strumento di decisione nell'ambito della gestione del rischio in campo di salute umana, animale e ambientale, ma può comprendere  anche situazioni in cui si prospetti un rischio ma non ci siano prove scientifiche sufficienti a dimostrarne la presenza o assenza. Secondo i suoi sostenitori, seguire il principio di precauzione è la condotta più ragionevole quando vi siano dei dubbi per la salute e l'ambiente.

Ad esempio, se si fosse applicato il principio di precauzione ai primi allarmi (risalenti agli anni sessanta) sulla cancerogenicità dell'amianto, si sarebbe evitato l'eccessivo diffondersi di materiali edili a base di amianto, cosa che ha generato numerosissimi casi di asbestosi e mesotelioma polmonare, oltre a ingenti costi per la successiva bonifica delle aree contaminate. Esempi simili si possono portare per numerose altre sostanze che dopo l'entrata in commercio si sono rivelate dannose per la salute e l'ambiente, tra queste il piombo e più tardi il benzene, come additivi nella benzina, il cadmio nelle batterie o i clorofluorocarburi nei circuiti refrigeranti, sebbene per molti di essi sia ancora dibattuto il reale impatto sulla salute e sull'ambiente.

Secondo alcuni il principio di precauzione si porrebbe in contrasto con il metodo scientifico. Uno dei capisaldi del metodo scientifico è difatti il criterio di falsificabilità introdotto da Karl Popper, che per qualcuno è in contrasto con i principi su cui si fonda il principio di precauzione. Il principio di precauzione non si basa infatti sulla disponibilità di dati che provino la presenza di un rischio, ma sull'assenza di dati che assicurino il contrario. Questo genera il problema di identificare con chiarezza la quantità di dati necessaria a dimostrare l'assenza di rischio, soprattutto alla luce dell'impossibilità della scienza di dare certezze ultimative e definitive. In questo contesto, secondo alcuni, l'applicazione scorretta del principio finisce per bloccare la ricerca scientifica su nuove tecnologie o prodotti, più che preservare la salute dei cittadini e dell'ambiente.

D'altro canto il principio di precauzione, come lo si vede inserito a livello legislativo, è stato strutturalmente modificato tenendo anche conto della necessità di un'analisi costi-benefici.
Ulteriori critiche hanno base economica. Per taluni infatti il principio di precauzione è facilmente strumentalizzabile per interessi protezionistici. Essendo previsto dagli accordi internazionali sul commercio, esso può essere invocato in determinate situazioni al fine di impedire l'importazione di alcuni prodotti.

Ad esempio, nel caso degli alimenti derivati da organismi geneticamente modificati, il principio di precauzione è stato invocato da diversi Paesi Europei (tra cui l'Italia) per bloccarne la commercializzazione e la coltivazione. Nell'ambito del dibattito sugli OGM, secondo alcuni, il ricorso al principio di precauzione era motivato più da ragioni di ordine economico e protezionistico, che da reali indizi di potenziali rischi. Questo punto di vista è supportato dal fatto che gli Stati in questione non sono stati in grado di fornire prove scientifiche a supporto di queste misure, motivazione alla base dell'annullamento di alcune delle misure stesse (si veda ad esempio per l'Italia il cosiddetto Decreto Amato del 2000, annullato dal TAR del Lazio quattro anni dopo per mancanza di prove della presenza di rischi).
 
 
 
 
Articolo tratto in forma originale da http://www.scienzaescuola.it/art_precauzione.html

I cookie ven­gono uti­liz­zati sul nos­tro sito Web per offrire agli utenti un servizio e un’esperienza migliori. Questo doc­u­mento descrive le cat­e­gorie di cookie che uti­lizzi­amo, il loro scopo e come mod­i­fi­care le pro­prie preferenze.

Cosa sono i cookie? I cookie sono pic­coli file di dati mem­o­riz­zati dal browser sul disco rigido del com­puter. Ogni volta che un utente torna a vis­itare il nos­tro sito Web, il browser ci rin­via questi cookie in modo da per­me­t­terci di offrir­gli un’esperienza per­son­al­iz­zata, che facil­iti l’accesso ai nos­tri servizi.

Cookies interni al sito

I cookie che uti­lizzi­amo ci con­sentono di riconoscere gli utenti in modo anonimo che tor­nano a vis­itare il sito, in modo da evitare loro di dover inserire più volte le stesse informazioni, per esem­pio potreb­bero essere uti­liz­zati per ricor­dare le pref­erenze selezion­ate dall’utente durante le vis­ite prece­denti, come ad esem­pio per ricordare che un utente anonimo ha già votato un articolo.

 Cookies Google Analitics

Google Analytics utilizza principalmente cookie proprietari per generare i rapporti sulle interazioni dei visitatori con i siti web. Questi cookie vengono utilizzati per memorizzare informazioni che non consentono l'identificazione personale degli utenti. I browser non condividono i cookie proprietari tra vari domini.

 Cosa suc­cede se si dis­at­ti­vano i cookie? Il sito funziona perfettamente anche senza l'utilizzo di cookies

Il browser può essere con­fig­u­rato per gestire o dis­at­ti­vare i cookie sec­ondo le pro­prie pref­erenze. Nor­mal­mente queste impostazioni si trovano sotto il menu Opzioni/​Privacy oppure Impostazioni/​Privacy oppure Preferenze/​Privacy. Per un sup­porto nella con­fig­u­razione del browser final­iz­zato alla ges­tione dei cookie, è pos­si­bile con­sultare la guida del pro­prio browser alle voci Pri­vacy.

Aspetti tecnici Joomla

  • Tutte le richieste di un sito Joomla danno inizio ad una sessione che memorizza l'indirizzo IP nei dati di sessione e crea un cookie della sessione nel browser dell'utente. L'indirizzo IP viene utilizzato come misura di sicurezza per aiutare a proteggere contro eventuali attacchi di dirottamento di sessione e questa informazione viene eliminata quando la sessione scade e i dati vengono eliminati. Il nome del cookie di sessione è basato su un hash generato casualmente e quindi non ha un'identificazione costante. Il cookie di sessione viene eliminato quando la sessione scade o quando l'utente esce dal browser.
  • Il sistema di log di Joomla registra l'indirizzo IP del visitatore che ha portato a scrivere un messaggio nei suoi file di log. Questi file di log vengono utilizzati per registrare varie attività svolte sul sito Joomla, incluse le informazioni relative agli aggiornamenti del core, tentativi di login non validi, errori non gestiti e informazioni sullo sviluppo, come l'uso di API deprecate. Il formato di questi file di log può essere personalizzato da qualsiasi estensione che configura un logger.  
  • Per informazioni su come Joomla processa i dati nei propri servers, leggi la nostra Informativa sulla privacy.

Glob-Tek è una realtà imprenditoriale innovativa in grado di offrire servizi di consulenza ed assistenza completi, professionali e rapidi, derivanti dall'esperienza acquisita dai suoi soci negli ultimi 15 anni e dalla possibilità di utilizzare strumentazione sempre all'avanguardia. Glob-Tek non si ferma mai alla mera misurazione o analisi ma è in grado di fornire risposte concrete per permettere la risoluzione di tutte le problematiche legate alla sicurezza, all’igiene del lavoro e alla salute anche su settori non normati. La consulenza non normata è uno dei punti di forza di Glob Tek; l’approccio scientifico mirato alla ricerca permette di studiare rischi nuovi e non ancora codificati come per esempio il rischio da nano particelle o da ignoto tecnologico. La sede di Glob-Tek si trova in Veneto, a Rovigo, locazione ideale per permettere una operatività in tutto il territorio nazionale.

      

  

 

     ARTICOLO DEL MESE

Covid e ricambi d'aria negli uffici insufficienti

Si è visto che molti contagi da Covid, in ambiente lavorativo, sono avvenuti negli uffici. Il motivo è semplice, non si cambia l'aria in modo adeguato. Uno dei motivi del perché non si cambia l'aria in modo adeguato, in particolare quando fuori fa freddo e c'è la nebbia è che si pensa che quando fuori c'é la nebbia se apriamo le finestre facciamo entrare molta umidità. In realtà è vero esattamente il contrario. Quando fuori c'è la nebbia, per esempio con una temperatura di 5°C e un umidità relativa elevata come per esempio il 90% in un metro cubo di aria (miscela - aria vapore) ci sono circa tre grammi di acqua. Ce ne poca perché quella in più è condensata. Cosa succede se facciamo entrare l'aria esterna in casa o in ufficio e poi la riscaldiamo per esempio a una temperatura di 22 °C ? Succede che l'umidità relativa in casa e in ufficio cala drasticamente perché di acqua in una miscela di aria fredda ce né poca; in questo caso l'umidità relativa diventa pari al 30 %, valore limite per avere effetti dovuti all'umidità troppo bassa (occhi arrossati, gola secca, scintille da cariche elettrostatiche, ecc.) In breve cambiare l'aria d'inverno il rischio non è quello di avere troppa umidità ma quello di avere un ambiente troppo secco.

Chiarito che cambiare l'aria in inverno è un attività che comunque toglie umidità e inquinanti vediamo perché si sono infettati in molti negli uffici.

In termini semplici, in un ambiente chiuso o con scarsa ventilazione dopo un certo tempo, se è presente una persona infetta, nell'aria sono presenti bio aerosol di particelle infette che non vengono filtrate dalle normali mascherine. Le mascherine proteggono da droplet ma non da particelle fini. I biologi dicono che la carica virale dei bio aerosol non è altissima ma a lungo andare, a forza di respirare il virus si accumula e possono partire le infezioni. Questo è il motivo per cui è consigliato avere ambienti adeguatamente ventilati e si definiscono vari tempi di esposizione massimi. Mi scuso con i biologi per l'estrema sintesi. Quindi avere la mascherina e mantenere le distanze in un ambiente non ventilato è condizione necessaria ma non sufficiente per limitare i contagi.

Come valutare la ventilazione

Glob Tek ha investito risorse e tempo per mettere a punto un metodo di valutazione della qualità dell'aria usando come indicatore la CO2 (Anidride carbonica). Ogni persona con attività tipica da ufficio emette circa 21 litri di CO2 all'ora. Se i ricambi sono scarsi, dopo un certo tempo, la concentrazione di CO2 aumenta in modo esponenziale. Noi abbiamo fissato come limite dell'indicatore un valore pari a 1000 ppm come indicato dalle linee guida del CNR anti Covid, ma si poteva anche fissare 1500 ppm, come indicato in altre pubblicazioni. Di seguito si riporta un grafico dell'andamento della CO2 in un ufficio di 30 metri quadrati, occupato da una persona, con una portata di ventilazione di 40 metri cubi ora.

CO2 ufficio con ventilazione

Si evince dal grafico che in queste condizioni per non superare i 1000 ppm di CO2 occorrono almeno 40 metri cubi ora di ventilazione. E se l'ambiente fosse chiuso e sigillato ? Con ambiente sigillato da 30 metri quadrati, una persona, i valori di anidride carbonica e quindi di bio aerosol aumentano nel tempo in modo esponenziale come riportato nel grafico seguente.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Questi grafici sono stati realizzati con un nostro modello matematico e verificati tramite strumentazione certificata di recente acquisizione.

Quindi il metodo di valutazione della qualità dell'aria tramite l'indice CO2 è un metodo semplice e preciso. Potete utilizzarlo anche voi, acquistate un misuratore di CO2 e quando la misura indica un superamento il 1000 ppm cambiate aria. Il valore di CO2 in ambiente aperto è pari a circa 500 ppm, se i valori rilevati si avvicinano a questi vuol dire che l'aria è "pulita".

Il nostro modello permette anche di effettuare il calcolo inverso, cioè misurata o calcolata la concentrazione di CO2 è possibile determinare in funzione del numero di persone la ventilazione necessaria o stabilire ogni quanto tempo occorre aprire le finestre. Per esempio il grafico precedente ci dice che per restare sotto a 1000 ppm occorre cambiare l'aria ogni 2 ore per almeno 5 minuti.

 

 VIDEO TEST MISURE CAMPI ELETTROMAGNETICI  ELETTROBISTURI SALA OPERATORIA

 

Glob-​Tek Srls Via Porta Adige 45 45100 Rovigo

Codice fis­cale e par­tita iva : 01487810291

Numero REA Camera del Commercio di ROVIGO e Delta Lagunare: 161359

Mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

  

 

 RUOLI OPERATIVI

Direttore Operativo Agenti Fisici  R&S :  Dott. Giovanni Gavelli

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Cell. 327 402 1275

 ____________________________________________________________________________________________ 

Direttore Operativo  Chimica e Sicurezza sul lavoro R&S : Dott. Massimo Bonzano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   Cell. 327 4097920

 ____________________________________________________________________________________________

HSE Questions : P.Ind. Filippo Stocco

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Cell. 327 4050902

 ____________________________________________________________________________________________

 Riferimenti  amministrazione : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 ____________________________________________________________________________________________ 

 Web Master : Dott. Giovanni Gavelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 ____________________________________________________________________________________________