Stampa
Categoria: Radiazioni Ottiche Artificiali
Visite: 3020

Il Coordi­na­mento Tec­nico Inter­re­gionale per la sicurezza nei luoghi di lavoro in col­lab­o­razione con il Dipar­ti­mento Igiene del Lavoro dell’Ispesl (ora INAIL) ha aggior­nato, rel­a­ti­va­mente al Capo V (ROA Radi­azioni Ottiche Arti­fi­ciali) , le indi­cazioni oper­a­tive per la cor­retta appli­cazione del Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 sulla pre­ven­zione e pro­tezione dai rischi di espo­sizione ad agenti fisici nei luoghi di lavoro.

Ai sensi della tabella 8.1 del doc­u­mento si evince che i tempi mas­simi di espo­sizione senza DPI rel­a­ti­va­mente alla sal­datura ad arco sono dell’ordine della decina di sec­ondi (a 1 metro di dis­tanza) quindi risulta inutile effet­tuare oper­azioni di misura in campo.

Gli addetti e le per­sone tran­si­tanti nelle aree pos­sono essere quindi sovra esposti in man­canza di adeguate pre­cauzioni tec­nico organizzative.

Le mis­ure tec­nico orga­niz­za­tive si pos­sono rias­sumere nei seguenti tre punti :